Volvo e Audi riaprono stabilimenti e uffici

Translating…

Dopo un breve periodo di sospensione delle attività a causa della pandemia da coronavirus,Volvo Carssi prepara alla riapertura del suo stabilimento di Torslanda, in Svezia, prevista per lunedì 20 aprile.

La Casa automobilistica, che ha preso la decisione di riavviare le attività dopo una consultazione con le rappresentanze sindacali del settore, ha programmato sempre per lunedì anche la ripresa del lavoro presso i suoi uffici svedesi. Nelle scorse settimane, sia lo stabilimento sia gli uffici sono stati predisposti per garantire la massima tutela della salute dei dipendenti che tornano a lavorare.

In preparazione del rientro dei dipendenti di lunedì, l’aziendariferisceche “è stata fatta una pulizia accurata di tutte le strutture”, “sono stati programmati interventi di sanificazione e pulizia più frequenti” e “verranno allestiti presso gli ingressi principali punti per la misurazione su base volontaria della temperatura e dell’ossigenazione del sangue con saturimetro”.

Nelle ultime settimane, incaricati dell’Azienda hanno esaminato ogni singola stazione di lavoro dello stabilimento di Torslanda da un punto di vista di salute e sicurezza e, dove non è risultato possibile rispettare le regole del distanziamento sociale, sono state previste altre misure di protezione.

Negli uffici svedesi della Casa, la disposizione delle sale riunioni, degli spazi di lavoro e dei punti di ristoro e delle mense è stata modificata, ove necessario, per consentire il distanziamento sociale, ad esempio disponendo le scrivanie in modo appropriato e limitando il numero delle persone che possono accedere alle sale riunioni e alle aree-mensa..

L’unità di produzione di motori di Skövde, in Svezia, e il sito specializzato in componenti della carrozzeria che si trova sempre in Svezia, a Olofström, continueranno a programmare la loro produzione su base settimanale, adattandosi alle esigenze degli altri stabilimenti.

I dipendenti degli uffici in altri mercati continueranno a seguire le indicazioni dei governi locali, sebbene i funzionari di Volvo Cars addetti alla salute e sicurezza sperino che le misure adottate presso le sedi svedesi servano da esempio e possano essere implementate anche altrove.

Volvo Cars continuerà ad avvalersi del pacchetto di sostegno introdotto dal governo svedese all’inizio dell’anno, che prevede una riduzione dell’orario di lavoro per la maggior parte dei dipendenti, fondamentale per salvaguardare le sue attività, indicate come “essenzialmente solide”, fino a quando i mercati non si saranno stabilizzati.

Volvo e Audi riaprono stabilimenti e ufficiannunciatoche nelle prossime settimane iprenderà gradualmente la produzione negli stabilimenti europei. A metà marzo, l’Azienda aveva annunciato la sospensione temporanea dell’attività produttiva, in concomitanza con le difficoltà affrontate dai fornitori e il brusco calo della domanda dovuto alla pandemia da Coronavirus. La ripresa delle attività su scala mondiale, concordata con la rete distributiva, sarà coordinata con il Gruppo Volkswagen. Alla base del riavvio della produzione vi è un pacchetto completo di misure volto a garantire la sicurezza dei collaboratori. A tal proposito, l’azienda ha riferito di “osservare scrupolosamente” le linee guida del Robert Koch Institute e le normative nazionali emanate dai singoli Paesi.

Audi riferisce che responsabili di reparto, rappresentanti sindacali e specialisti della sicurezza sul lavoro, insieme a esperti in materia di sanità e ingegneria industriale, “hanno esaminato ogni singola postazione, suggerendo gli interventi per massimizzare la sicurezza”. Solamente con l’approvazione di tutti i soggetti coinvolti una postazione è considerata “a prova di Coronavirus”. Il gruppo di lavoro “ha esaminato minuziosamente anche gli ambienti comuni, spaziando dalle aree ricreative e le mense agli ingressi in fabbrica, dai parcheggi alle zone di trasferimento del personale”. L’azienda afferma di avere “sviluppato soluzioni appropriate per ciascun settore”. I collaboratori verranno informati preventivamente e in forma scritta in merito alle misure adottate. Alla ripresa dell’attività produttiva, riceveranno istruzioni dettagliate dai responsabili di linea e saranno costantemente aggiornati mediante gli organi d’informazione interni, spaziando dalla piattaforma web agli avvisi cartacei.


Tutti gli articoli di macitynet che parlano della pandemia coronavirus e degli impatti sul mondo della tecnologia, del lavoro e della scuola a distanza, oltre che sulle soluzioni per comunicare da remotosi parte da questa pagina.

Lees Verder

Plaats een reactie